Teoria e critica
 
 
Home page > Teoria e critica

di Sparajurij

Articolo postato lunedì 10 gennaio 2011
Condividi o rifiuti un’idea di scrittore come testimone del proprio tempo, anche dal punto di vista linguistico? A. I. Testimone è colui che vede ed è partecipe, è coinvolto, ma sufficientemente a distanza per aprire una visuale su ciò che gli accade. La figura del testimone è quindi ambivalente: è uno che è dentro e fuori la lingua che gli è contemporanea, è con e contro quella lingua. Non sono giochi di parole. Quando scrivo, lo faccio con i materiali linguistici del mio tempo e contro di essi (li (...)
2 commenti

di Salvatore Ritrovato

Articolo postato venerdì 7 gennaio 2011
Un documentario scomodo si aggira per l’Italia. Si intitola Senza scrittori, ed è stato realizzato da Andrea Cortellessa e Luca Archibugi. Di che cosa parla? Parla della narrativa e dei suoi rapporti con il mondo dell’editoria, della distribuzione e delle librerie, e pone una questione cruciale per la letteratura: è “letteratura” i libri che scalano le classifiche e che vediamo impilati all’ingresso delle librerie di catena? Finora questo documentario non ha ancora trovato un editore; in compenso, (...)
3 commenti
Articolo postato giovedì 6 gennaio 2011
Le donne, i cavallier, l’arme, gli amori, le cortesie, l’audaci imprese io canto, che furo al tempo che passaro i Mori d’Africa il mare, e in Francia nocquer tanto, seguendo l’ire e i giovenil furori d’Agramante lor re, che si diè vanto di vendicar la morte di Troiano sopra re Carlo imperator romano. Ludovico Ariosto Canto le fate, i mostri, i cavalieri, le armi e le cortesie, le spade e i fiori, le picche e i cuori, i bastoni e gli alfieri, le coppe, i fanti, i paggi, gli ori e (...)
0 commenti

(ColtoPop—senza snob 2)

Articolo postato sabato 25 dicembre 2010
È successo giovedì 9 dicembre, a Cremona, Facoltà di Musicologia, Corso di Storia della poesia per musica, nel pieno delle (sacrosante) contestazioni contro il surreale ddl Gelmini. Gli studenti più vivi, insieme a qualche sparuto docente, avevano ancora tutti i capelli ben ritti in testa; forse non immaginavano che il loro grado di… sgomenta indignazione (per usare un ipereufemismo) nei giorni successivi sarebbe cresciuto a livelli esponenziali. Ma proprio quel giovedì, insieme a un sole che (...)
3 commenti

di Luca Baldoni

Articolo postato martedì 14 dicembre 2010
Numero_8: PASOLINI parte II Pier Paolo PASOLINI (1922-1975) Agli inizi degli anni Settanta il sogno romano di Pasolini è definitivamente infranto, anche eroticamente. Il “cambiamento antropologico” dell’Italia investe profondamente il mondo amato da Pasolini, stravolgendolo e mutandone equilibri sessuali radicati da secoli. Così il battuage delle poesie di questo periodo è un vagare livido e disperato, in cui la ricerca dei corpi appare coazione piuttosto che vitalità, come nei (...)
2 commenti
Articoli precedenti:
... | < 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 |> |...