I blog d’autore
 

par Pierre Le Pillouër

aggiornato giovedì 17 maggio 2012
 

di Cecilia Bello Minciacchi,
Paolo Giovannetti,
Massimilano Manganelli,
Marianna Marrucci
e Fabio Zinelli

aggiornato domenica 18 marzo 2012
 

di Sergio Garau

aggiornato lunedì 6 febbraio 2012
 

di Claudio Calia

aggiornato venerdì 2 dicembre 2011
 

a cura di Massimo Rizzante e Lello Voce

aggiornato domenica 27 novembre 2011
 

di Luigi Nacci & Lello Voce

aggiornato domenica 13 novembre 2011
 

di Massimo Arcangeli

aggiornato martedì 30 agosto 2011
 

di Massimo Rizzante

aggiornato venerdì 29 luglio 2011
 

di Giacomo Verde

aggiornato sabato 4 giugno 2011
 

di Rosaria Lo Russo

aggiornato sabato 21 maggio 2011
 

di Gabriele Frasca

aggiornato giovedì 5 maggio 2011
 

di raphael d’abdon

aggiornato sabato 2 aprile 2011
 

di Stefano La Via

aggiornato giovedì 24 marzo 2011
 

di Maria Teresa Carbone & Franca Rovigatti

aggiornato giovedì 17 marzo 2011
 

di Chiara Carminati

aggiornato giovedì 13 gennaio 2011
 

di Domenico Ingenito & Fatima Sai

aggiornato mercoledì 10 novembre 2010
 

di Yolanda Castaño

aggiornato martedì 9 novembre 2010
 

di Gianmaria Nerli

aggiornato giovedì 16 settembre 2010
 
Home page > I blog d’autore
Articolo postato martedì 1 giugno 2010
Straniere genti, l’ossa mia rendete allora al petto della madre mesta Ugo Foscolo Andiamo mie ossa. Sul fondo del fondo ancora sentiamo un poco di brace Mariangela Gualtieri Restituite il mio cadavere. Io mi aiuto intanto a non morire. L’auspicio di vedersi restituiti al calore di chi rimane per continuare a sperare, il tentativo di attingere forza dal calore rimasto per continuare a vivere. Il corpo umano, ante mortem e post mortem, sostituito dalla sua intelaiatura, la sua (...)
1 commenti
Articolo postato lunedì 31 maggio 2010
A volte le parole ‘antiche’ sono così potenti, nella loro sintetica eloquenza, da rivelarsi semplicemente insostituibili; tanto da scavalcare parole solo in apparenza più ‘moderne’ e acquisire risonanza universale. È questo anche il caso di un vocabolo greco classico come Mélos (da non confondersi con Melodía, unione di mélos e odé, a significare qualcosa di più simile al nostro ‘canto’ o ‘melodia vocale’). Almeno nella sua accezione platonica, mi è sembrato questo l’unico termine capace di riassumere non (...)
27 commenti

Intervista rilasciata a Jacopo Grosser

Articolo postato sabato 22 maggio 2010
D. La plaquette Quevedo, ovvero Perché è più freddo della morte amore è una raccolta di sue versioni di sonetti di Francisco Quevedo, con in conclusione una traduzione da Dylan Thomas. Chi abbia letto la sua produzione precedente riconoscerà in questi testi alcuni temi ricorrenti nella sua poesia, così come identificherà immediatamente la sua voce: in che modo, a suo parere, Quevedo è entrato nella sua poesia ‘originale’, e in che modo lei ha agito sul testo di Quevedo così da renderlo (...)
0 commenti
Articoli precedenti:
... | < 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 | 23 | 24 | 25 | 26