Absolute Poetry 2.0
Collective Multimedia e-Zine

Coordinamento: Luigi Nacci & Lello Voce

Redatta da:

Luca Baldoni, Valerio Cuccaroni, Vincenzo Frungillo, Enzo Mansueto, Francesca Matteoni, Renata Morresi, Gianmaria Nerli, Fabio Orecchini, Alessandro Raveggi, Lidia Riviello, Federico Scaramuccia, Marco Simonelli, Sparajurij, Francesco Terzago, Italo Testa, Maria Valente.

pubblicato martedì 19 novembre 2013
Blare Out presenta: Andata e Ritorno Festival Invernale di Musica digitale e Poesia orale Galleria A plus A Centro Espositivo Sloveno (...)
pubblicato domenica 14 luglio 2013
Io Boris l’ho conosciuto di sfuggita, giusto il tempo di un caffè, ad una Lucca Comics & Games di qualche anno fa. Non che non lo conoscessi (...)
pubblicato domenica 14 luglio 2013
In un saggio del 1936, La radio, l’arte dell’ascolto, un giovanissimo Rudolf Arnheim salutava l’avvento della radiofonia come l’evento che avrebbe (...)
 
Home page > e-Zine > Ferdydurke - Dialoghi sul romanzo #01 - Un nome che non significa niente - (...)

Ferdydurke - Dialoghi sul romanzo #01 - Un nome che non significa niente - di Massimo Rizzante

Autoanalfabeta University of Utopia - Globalproject.info

Articolo postato domenica 14 luglio 2013
da Lello Voce

Siamo a maggio. È primavera, la stagione del risveglio. Un perfetto scrittore progressista del XXI secolo lancia le sue sfide. La prima è che la letteratura, al di là di tutte le lamentazioni che ogni giorno affollano i mass-media, ha ancora un peso enorme. Non a caso i regimi danno fuoco ai libri. La seconda è che le parole hanno sempre cambiato il mondo e lo faranno ancora. La terza è che la letteratura è democrazia.Mi chiedo che idea della letteratura abbia il perfetto scrittore progressista del XXI secolo.

Ma soprattutto quale sia la sua idea di democrazia. Io ho sempre pensato che la creazione letteraria sia elitaria. Una democrazia,infatti, è tanto più forte quanto più è in grado, attraverso un sistema educativo aperto a tutti, di sradicare l’ignoranza (con la quale dobbiamo fare i conti nel corso di tutta la vita) in modo da rendere accessibili i romanzi di Sterne, di Joyce e di Kafka.

Non è la letteratura che è democratica, è l’accesso a essa che deve esserlo.

CONTINUA QUI

113 commenti a questo articolo

Ferdydurke - Dialoghi sul romanzo #01 - Un nome che non significa niente - di Massimo Rizzante
2014-04-09 18:34:23|di rockskh

“Great! I’ve written something stupid, but I haven’t signed a contract with anyone to produce solely wise and perfect works. I gave vent to my stupidity...and here I am, reborn.
federal resume writing services reviews


Ferdydurke - Dialoghi sul romanzo #01 - Un nome che non significa niente - di Massimo Rizzante
2014-03-08 17:30:57|di mika

I think that as I age I am beco­ming more and more histo­ri­cal. I cer­tainly wasn’t at all in my early twenties.
write a thesis


Ferdydurke - Dialoghi sul romanzo #01 - Un nome che non significa niente - di Massimo Rizzante
2014-02-28 08:53:46|di bridige

I was named for my grandfather, further my identity is an Anglicized Hebrew alias, considerably general beyond the west. It has import. I right veto its gist further attempt to dwell up to my grandfather’s commons.
help me write my essay


Commenti precedenti:
... | < 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12

Commenta questo articolo


Un messaggio, un commento?
  • (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Chi sei? (opzionale)