pubblicato domenica 14 luglio 2013
Siamo a maggio. È primavera, la stagione del risveglio. Un perfetto scrittore progressista del XXI secolo lancia le sue sfide. La prima è che la (...)
pubblicato domenica 14 luglio 2013
In un saggio del 1936, La radio, l’arte dell’ascolto, un giovanissimo Rudolf Arnheim salutava l’avvento della radiofonia come l’evento che avrebbe (...)
pubblicato domenica 14 luglio 2013
Ha ragione Nanni Balestrini a dire che nelle pile di libri accatastati nelle nostre librerie, tutti «noiosamente uguali», c’è qualcosa di (...)
 
Home page > Canale Video > Il faro di Hicksville #01 - di Claudio Calia - Il fumetto di viaggio - (...)

Il faro di Hicksville #01 - di Claudio Calia - Il fumetto di viaggio - Autoanalfabeta incontra Boris Battaglia

Autoanalfabeta University of Utopia - Globalproject.info

Articolo postato domenica 14 luglio 2013
da Lello Voce

Io Boris l’ho conosciuto di sfuggita, giusto il tempo di un caffè, ad una Lucca Comics & Games di qualche anno fa. Non che non lo conoscessi prima, ché non è che vado alle fiere di fumetto e mi siedo al primo tavolo con uno sconosciuto a bere il caffè. L’ho conosciuto attraverso le parole pubblicate sul suo blog, in una incarnazione precedente a quella online oggi, addirittura ho aiutato lui e il suo – al tempo – socio di scorribande sui fumetti, Paolo Interdonato aka Sparidinchiostro ad impaginare il numero 2 di uno spregiudicato tentativo di realizzare una fanzine sui fumetti, Nubi. Oggi di Nubi non esiste quasi più traccia in rete, tranne qualche link ad un blog che non esiste più, dei pdf irrintracciabili nelle grandi maglie del web.

È fatta così, la rete, tante cose che c’erano e oggi non ci sono più. Chi ha avuto un blog su splinder o una mail su lycos capisce perfettamente cosa intendo.

“I fumetti si guardano, non si leggono” è una delle frasi caratteristiche di Boris, che tante polemiche gli ha creato al tempo che le polemiche si facevano sui blog e non sui profili Facebook. Gli ho chiesto conto di questa frase, oggi, mille anni dopo, ma quella parte di intervista la rimando ad un futuro prossimo, che col tema di questa prima puntata c’entra poco. Perché Il faro di Hicksville esordisce parlando di fumetto come diario di viaggio, cogliendo l’occasione della collana Graphic Journalism curata da Rizzoli Lizard e distribuita come allegato al Corriere della Sera, che a dispetto del suo titolo ne sta pubblicando un bel po’, di diari di viaggio a fumetti (ma anche di noir, di biografie, di romanzi storici…).

CONTINUA QUI

91 commenti a questo articolo

Il faro di Hicksville #01 - di Claudio Calia - Il fumetto di viaggio - Autoanalfabeta incontra Boris Battaglia
2014-06-16 09:07:06|

If you are in need of funds fast from a settlement that hasn’t started paying, then look no further than presettlementfundings.com. With us, you know you are being provided with the highest quality services to ease the stress of your settlement process. We know getting the funds you need can be difficult and time consuming—not with us. settlement funding


Commenti precedenti:
< 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10

Commenta questo articolo


Un messaggio, un commento?
  • (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Chi sei? (opzionale)