di Sergio Garau

sergio garau (sardegna, 1982) dal 2001 in collaborazione con il collettivo sparajurij prende parte alla scena poeticoperformativa italiana e internazionale. rappresenta l’italia nel 2007 alla prima coppa del mondo di poetry slam a parigi/bobigny e nel 2008 alla internationale SLAM!revue del literaturfestival di berlino, di cui curerà il programma l’anno successivo. Nel 2009 è invitato alla biennale giovani del mediterraneo a skopje, partecipa alla festa della letteratura e delle arti di asuni in sardegna con una soloperformance di 1ora, che poi rimodellerà per il vivace horinal di barcellona. nel 2010 dopo una residenza artistica a berlino è impegnato in una tournée con il progetto multilingue di spoken word e musica smokenmirrors in 21 città europee, è featuring poet alle slammeisterschaften nella capitale europea della cultura ruhr 2010 e presenta l’operazione collettiva videomusicalpoetica I O all’absolute poetry festival di monfalcone. ha vinto l´anti-slam di berlino 2009, il primo slam a squadre italiano a romapoesia 2003, il poetry slam internazionale di bolzano 2004, il poetry slam della settimana letteraria torinese 2002, il primo concorso di videopoesia doctorclip 2005 et cetera. è pubblicato in perversi modi come libri, cd, radio, santini, tv, siringhe, fascette, dvd, facebook, www.myspace.com/garaus et cetera, cura diversi festival e situazioni, un blog d’autore su absoluteville, collabora alla redazione della rivista atti impuri (off e on-line www.attimpuri.it) e alla collana maledizioni per No Reply

pubblicato lunedì 6 febbraio 2012
il presente è stato eseguito al 17° Festival Internazionale della Poesia di Genova (giugno 2011) ed è qui pubblicato per concessione dell’autore. (...)
pubblicato lunedì 9 maggio 2011
Cinema Babylon, Rosa-Luxemburg Platz. * L’ultimo decennio ha visto apparire e svilupparsi festival internazionali di videopoesia dalla Russia (...)
pubblicato domenica 12 settembre 2010
Nel mese di giugno il mensile Poesia pubblica un resoconto di Valerio Cuccaroni sulla poesia italiana in rete, poi ripreso e aggiornato qui su (...)
 

di Stefano La Via

aggiornato giovedì 24 marzo 2011
 

di Massimo Rizzante

aggiornato venerdì 29 luglio 2011
 

di Gabriele Frasca

aggiornato giovedì 5 maggio 2011
 

di Cecilia Bello Minciacchi,
Paolo Giovannetti,
Massimilano Manganelli,
Marianna Marrucci
e Fabio Zinelli

aggiornato domenica 18 marzo 2012
 

di Rosaria Lo Russo

aggiornato sabato 21 maggio 2011
 

par Pierre Le Pillouër

aggiornato giovedì 17 maggio 2012
 

di Luigi Nacci & Lello Voce

aggiornato domenica 13 novembre 2011
 

di Massimo Arcangeli

aggiornato martedì 30 agosto 2011
 

di raphael d’abdon

aggiornato sabato 2 aprile 2011
 

di Claudio Calia

aggiornato venerdì 2 dicembre 2011
 

di Yolanda Castaño

aggiornato martedì 9 novembre 2010
 

di Giacomo Verde

aggiornato sabato 4 giugno 2011
 

di Domenico Ingenito & Fatima Sai

aggiornato mercoledì 10 novembre 2010
 

di Chiara Carminati

aggiornato giovedì 13 gennaio 2011
 

di Gianmaria Nerli

aggiornato giovedì 16 settembre 2010
 

di Maria Teresa Carbone & Franca Rovigatti

aggiornato giovedì 17 marzo 2011
 

a cura di Massimo Rizzante e Lello Voce

aggiornato domenica 27 novembre 2011
 
Home page > I blog d’autore > WIRRWARR murofantasma di Berlino > Il poeta che vive del suo scrivere?!

Il poeta che vive del suo scrivere?!

Attraverso il poetry slam e non solo la poesia di lingua tedesca è popolare, di successo e in crescita.

Articolo postato lunedì 11 ottobre 2010
da Sergio Garau

Pubblico per la poesia. Pubblico pagante 5, 10, 15 euro. Sale concerti, club, teatri di 400, 800, 1600 posti esauriti. Pubblico debordante, fuori, in coda, nei foyer, ai maxischermi, rimandato a casa. Pubblico che non demorde e cerca, guarda video, foto, commenta, vota, compra CD, DVD, magliette, adesivi, spillette, persino libri. Di poesia? Di che stiamo parlando? Poesia contemporanea? Non del tutto. Separarla dalla prosa o capire quando il testo vada accapo non è spesso possibile, né qui di interesse o di rilievo. La parola, che resta comunque centrale, sconfina in altri linguaggi: teatro, musica, radio, video, design, tv, social network, youtube …, mettendosi in gioco – come ormai d’abitudine - oltre il libro. Ma dov’è la novità? La novità è proprio nell’ordine di grandezza, nella capillarità, nella quantità del fenomeno, in crescita, duraturo e sempre più popolare.

Le fondamenta di questo largo successo sono nelle centinaia di poetry slam che in Germania, Svizzera, Austria etc. - ci limitiamo qui a considerare i paesi di lingua tedesca ma il fenomeno ha una portata mondiale - si svolgono con cadenza mensile. Nella sola Berlino negli ultimi anni si è arrivati a una decina di slam regolari, intorno ai quali si moltiplicano le Lesebühne - dove gruppi di autori leggono ogni mese le loro ultime produzioni -, gli spettacoli individuali, le variazioni sul genere come il Dead or Alive Slam – dove i poeti vivi si scontrano con i classici interpretati da ottimi attori -,

o il paradossale cortocircuito dell’Anti-Slam – dove il peggiore vince - , progetti di spoken music , o opere digitali, pubblicazioni video o social network. Soffermandoci un attimo su questi ultimi vi indirizzo su www.slammin-poetry.de, un sito dedicato esclusivamente alla scena berlinese, e soprattuto su myslam.de, da pochi mesi diventato myslam.net, con l’ambizione in corso d’opera di riunire, coordinare le scene internazionali – se chi leggesse fosse un partecipante o, ancora meglio, un organizzatore di poetry slam, di situazioni spoken word, gli consiglierei senz’altro di iscriversi.

Questo trucco, questa esca in forma di tenzone, questo contenitore aperto che è il poetry slam tesse una rete che coinvolge le istituzioni, i festival di letteratura e di poesia, le scene musicali più varie (dal rap all’opera, all’electro, all’industrial e così via), i teatri più prestigiosi, tv d’alto livello come Arte, di intrattenimento o generaliste come ProSieben, WDR

, 3Sat , grandi case editrici come Rowohlt o specializzate nel genere come Sprechstation, articolisti di settimanali come Spiegel, scaffali best-seller nelle librerie o dello spoken word nei negozi di dischi. Il Goethe Institut non manca di invitare e supportare i migliori slammer tedeschi in giro per il mondo (da Abu Dhabi alla Tanzania, da New York a Pechino) – e sono sempre di più i poeti che riescono a vivere della loro scrittura per il palco, le agenzie che li seguono – addirittura costretti a rifiutare numerosi inviti, a selezionare i più significativi o remunerativi giungendo comunque a fare 250 date e più in un anno. Parliamo per lo più di trentenni, ventenni e più giovani ancora.

Ma come è possibile? Come si è riusciti a fare tutto questo a partire dalla poesia, da una materia così legata nell’immaginario e nella pratica a nolenti obblighi scolastici? Alcuni direbbero: non è poesia, è cabaret. Anche in Italia il cabarettista, specialmente colui che zampetta in tv, gode di grande riscontro di pubblico, riempie i teatri e meccanicamente le sezioni più in vista delle librerie. In Germania, è vero, vi sono cabarettisti che frequentano i circuiti del poetry slam e vice versa poeti che frequentano i circuiti del cabaret, ma sarebbe decisamente sbagliato indugiare oltre in questo parallelo. Alcuni tra i poeti più riconosciuti e acclamati ad esempio presentano testi che avvincono il pubblico con le loro evoluzioni ritmiche e formali attraverso contenuti tutt’altro che ilari: penso ad esempio a Julian Heun, nato nel 1989, vincitore del campionato di slam Under 20 nel 2007 e poi vicecampione al nazionale nel 2008 – e qui vale la pena di interrogarsi: quale poeta italiano avrebbe mai avuto la possibilità di essere invitato al festival Other Voices di San Francisco a 18 anni come Heun? Come fa un poeta diciottenne in Italia se non a riscuotere grande successo quantomeno a mettersi alla prova?

Penso poi a Wehwalt Koslowsky, una delle personalità più esperte della scena (iniziatore tra l’altro del gruppo internazionale Poesie United o di k.u.k.con Frank Kloetgen), che ricorda nella sua poetica come anche la rigorosa forma metrica e la rima possano essere performate con successo e senza bisogno di strizzare continuamente l’occhio al pubblico - al contrario, durante Slam Tour mit Kuttner, un programma TV di Sat1 Comedy (comedy, per l’appunto) nell’introduzione al brano di Koslowsky si sono levate una o due risate isolate, che il poeta ha tacciato immantinente domandando che ci fosse poi di divertente in quel che diceva. Possiamo inoltre citare Bas Böttcher, di cui abbiamo già parlato in questo blog, vincitore del primo slam nazionale nel 1997, che riesce a conquistare gli uditori con la sua ricerca linguistica, ritmica, sonora. D’altra parte gli slammer di grande successo che calcano anche i palchi del cabaret adoperano, come nel caso di Marc-Uwe Kling, un umorismo politico – è ormai celeberrimo il suo ciclo sulle vicissitudini di un canguro comunista a Berlino - o inventivo e sperimentale come in Julius Fischer- da solo o nei progetti Totale Zerstörung con André Herrmann e The Fuck Hornisschen Orchestra con Christian Meyer -, o d’ironica intelligenza nel caso di Sebastian 23 - che con gli ormai affermati scrittori poeti-performerGabriel Vetter, Lars Ruppel e Felix Römer ha costituito la prima boy band del poetry slam: SMAAT, qui in un divertimento che mette in luce le qualità performative di Vetter, ma che non rende giustizia al lavoro del gruppo né tantomeno dei singoli:

Sì, il pubblico si diverte, ma chi vede nello slam semplicemente un nuovo genere di letteratura d’intrattenimento non coglie il nucleo della questione: di generi in un poetry slam se ne possono vedere di molto diversi e il riso, pur essendo un’arma molto utile tra l’altro per vincere l’attenzione del pubblico, ha illustri tradizioni sia per la carta che per il palco. No, oltre alla bravura e alla coordinazione degli organizzatori e degli MC - sui quali andrebbe scritto un altro articolo -, la ragione del successo e dunque, a mio avviso, qui il vero motivo di interesse, sta nel fatto che i poeti scrivono apposta per e attraverso il corpo e il palco. Il pubblico sa che andando ai poetry slam, o almeno in quelli più prestigiosi, potrà godere di professionisti dello spoken word e non di improvvisazioni di cartapesta. Per stare in piedi con le proprie gambe, anche economicamente, il poeta in Europa sta imparando a fare buon uso dei mezzi a sua disposizione, a scrivere non solo al computer, ma anche con il corpo, con la voce, con il pubblico …

E in Italia?

90 commenti a questo articolo

Il poeta che vive del suo scrivere?!
2014-06-25 13:40:04|di asadalikhatri

Wow! It is indeed amazing and interesting to see how different countries instill and implement the importance of entrepreneurship in their younger generation. No doubt, entreprenership is the way to go in thia day and age.http://www.ceag-ag.com/text-your-ex-back-review-a-breakup-doesnt-have-to-be-forever/


Il poeta che vive del suo scrivere?!
2014-06-23 19:36:24|

I really like the dear information you offer in your articles. I’m able to bookmark your site and show the kids check out up here generally. Im fairly positive theyre likely to be informed a great deal of new stuff here than anyone else!
buy instagram followers cheap


Il poeta che vive del suo scrivere?!
2014-06-20 15:11:37|

My friend mentioned to me your blog, so I thought I’d read it for myself. Very interesting insights, will be back for more!
Targeted Traffic


Il poeta che vive del suo scrivere?!
2012-09-04 11:33:07|di sergio mausdenker

Lieber L. Dichter,

(sempre meglio, nonché più caro, mi fu quell’ermo poeta ; ) -
show must go off!, come intitolò Luigi Socci la sua breve scelta di poesie pubblicata sulla rivista atti impuri n. 1,
(titolo poi reso più sereno, dandyno e visibile in televisione).
tra quelle la mia preferita è forse: poesia visiva, leggibile e visibile anche in rete: qui (minuto 7’17):
http://www.alfabeta2.it/2012/08/04/...

è una poesia 3D di 3 minuti perfetta per un poetry slam, davvero invideabile.

"chi ha gli occhi ingannevoli creda
chi ha orecchie per intendere veda"


Il poeta che vive del suo scrivere?!
2012-03-09 17:24:02|di Leo Dichter

Tutta l’arte è spettacolo nel basso Impero, e tutti i decadenti abitanti dell’impero sono nati con la vocazione ad essere artisti, in fondo è il modo più innocente e sicuro per stare bene con la propria coscienza. Vale a dire che il protagonismo esacerbato e politically correct degli interpreti è la chiave del successo, anche nel caso dei poetry slams: proposte da consumo raffinato per palati insaziabili, mentre la poesia, come è nella sua natura, avviene altrove invisibilmente... e sempre sarà così.
Show must go on! : )


Il poeta che vive del suo scrivere?!
2011-10-05 12:42:53|di Francesco

Gran poeta, video molto interessanti. Francesco dal sito best computer desk with hutch.


Il poeta che vive del suo scrivere?!
2010-10-13 16:22:35|di sergio

ah ehm, con questo parallelo tra "grandi" opere e zone temporaneamente autonome [http://hermetic.com/bey/taz_cont.html] - quale il poetry slam nei suoi basici germi è - mi pare che si prendano lucciole per fiaschi - il pontesullostretto poi esiste già da tempo: [http://www.myspace.com/pontesullostretto]


Il poeta che vive del suo scrivere?!
2010-10-13 12:55:06|di sconosciuto

L’italia costruirà il ponte sullo stretto (per il ’’piacere’’ della mafia), completerà il treno ad alta velocità (per il ’’piacere’’ degli ambientalisti) e si organizzeranno tanti poetry slam...


Il poeta che vive del suo scrivere?!
2010-10-12 20:48:27|di alice

Il mondo costruisce la galleria sotto la manica, il ponte di brooklyn, organizza poetry slam.
E l’Italia si guarda i piedi.


Il poeta che vive del suo scrivere?!
2010-10-11 18:52:02|di patti smiths

qui ci devo tornare, con calma...


Commenti precedenti:
< 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9

Commenta questo articolo


Un messaggio, un commento?
  • (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Chi sei? (opzionale)