Absolute Poetry 2.0
Collective Multimedia e-Zine

Coordinamento: Luigi Nacci & Lello Voce

Redatta da:

Luca Baldoni, Valerio Cuccaroni, Vincenzo Frungillo, Enzo Mansueto, Francesca Matteoni, Renata Morresi, Gianmaria Nerli, Fabio Orecchini, Alessandro Raveggi, Lidia Riviello, Federico Scaramuccia, Marco Simonelli, Sparajurij, Francesco Terzago, Italo Testa, Maria Valente.

pubblicato martedì 19 novembre 2013
Blare Out presenta: Andata e Ritorno Festival Invernale di Musica digitale e Poesia orale Galleria A plus A Centro Espositivo Sloveno (...)
pubblicato domenica 14 luglio 2013
Siamo a maggio. È primavera, la stagione del risveglio. Un perfetto scrittore progressista del XXI secolo lancia le sue sfide. La prima è che la (...)
pubblicato domenica 14 luglio 2013
Io Boris l’ho conosciuto di sfuggita, giusto il tempo di un caffè, ad una Lucca Comics & Games di qualche anno fa. Non che non lo conoscessi (...)
 
Home page > e-Zine > POEMA DISUMANO DI LUIGI NACCI

POEMA DISUMANO DI LUIGI NACCI

INAUGURAZIONE DELL’INSTALLAZIONE ACUSTICO-VISIVA E PRESENTAZIONE DEL CATALOGO

Articolo postato lunedì 15 maggio 2006
da Christian Sinicco

Roma - Giovedì 1 giugno, alle ore 18, presso la Galleria Michelangelo sarà inaugurata l’installazione acustico-visiva poema disumano del poeta e artista triestino Luigi Nacci. L’opera, accompagnata dai quadri di Ugo Pierri, unisce esperienze estetiche diverse, come l’ascolto, la lettura, la visione (realizzazione video di Guido Indri). L’istallazione, curata da Gianmaria Nerli, resterà udibile/visibile al pubblico fino a domenica 18 giugno. In concomitanza sarà presentato il catalogo dell’opera, libro+CD, anch’esso con illustrazioni di Ugo Pierri e interventi fonico-musicali di Lorenzo Castellarin, supportato dai saggi introduttivi di Nerli e Marianna Marrucci e la postfazione di Rosaria Lo Russo (edizioni Galleria d’arte Michelangelo).

Dell’opera verrà presentata anche una seconda versione provvista solo del testo (modificato rispetto a quello edito nell’altra edizione) data alle stampe nella collana “Opera Prima” curata da Flavio Ermini per la Cierre Grafica, con l’introduzione di Ermini e la postfazione di Iain Chambers.

«Il poema disumano è un’installazione-proiezione acustico-(visiva), che unisce voce, suono, scrittura-lettura, immagini, musica. Nata come poesia, o meglio come fusione della scrittura poetica con l’emanazione del proprio suono (la voce delle proprie parole trasformata e dis-integrata in suono), ha il grande merito di non sacrificare all’interazione le specificità dei suoi diversi linguaggi. La scrittura resta scrittura, il suono resta suono, la musica musica, le immagini immagini. Niente è annullato nell’indistinzione sensoriale, ma al contrario tutto viene montato e fatto significare: alla compattezza dell’amalgama percettivo si sostituiscono l’attrito e l’incontro tra ambiti di senso distinti e multiformi [...] Ecco, l’installazione di Luigi Nacci punta, se non ad abbattere la porta, almeno a ricostruirne i confini, a ridefinire la soglia al di là della quale vivono un soggetto e forse un senso diverso. Quella soglia che prende la consistenza organica di una membrana che vibra, e si scioglie nell’ascolto. E ascoltando, questo è l’ottimismo disumano del poema, lo spettatore dà forma sensibile, volto, consistenza alla nuova antropologia che siamo diventati, ridefinisce il confine, lo spazio, la dimensione della tragedia umana. Ascoltando rimette in moto il percorso dell’arte e della sua possibilità di significare: perché se l’arte significa, significa anche l’uomo» (dalla prefazione di Gianmaria Nerli).

«E a questo punto arriva il poema disumano di Luigi Nacci, e meno male che arriva. Spira aria nuova nelle stanze del poema. Perché di un regolarissimo poema costituito di stanze, ottave, di endecasillabi si tratta. Un poema assolutamente unitario, classicamente unitario, senza stravolgimenti grammaticali o sintattici (espediente che fino ad ora era parso quasi consustanziale alla contemporaneità), rispettoso delle regole di reiterazione fonica di cui i maestri linguisti e semiologi ci hanno insegnato costituirsi lo ‘specifico poetico’, eufonico nel dettato, regolare con quella clausola in quartina, insomma un poema in ottave con tanto di attanti epici. Insomma, la partitura testuale del poema disumano non fa una grinza. È buona poesia, di ottima fattura, matura nella tenuta linguistica e metrica, un ottimo esordio [...]. Ma Nacci, e qui sta la profonda innovazione, ha curato in maniera assolutamente originale e performativamente geniale, non solo il testo ma anche la “regia” del poema. “Regia”: adesso sappiamo che il testo è una partitura teatrale oltre che poetica [...]. L’autore-regista non interpreta letteralmente il testo dell’autore-poeta, lo riscrive vocalmente trasformandolo in opera di poesia performativa vera e propria, indipendente, anzi in conflagrazione evidente, con il ‘messaggio’ letterario» (dalla postfazione di Rosaria Lo Russo).

17 commenti a questo articolo

> POEMA DISUMANO DI LUIGI NACCI
2006-05-15 19:12:37|di Luigi

Lorenzo, posticipare - come si dice a Ts - no se pol, ma puoi andare a sentire/vedere l’installazione comunque: resterà fino al 18 giugno! (il vino no, però...:-))

Peccato Raspo, ti perdi una performance disumana assai!


> POEMA DISUMANO DI LUIGI NACCI
2006-05-15 18:53:01|

che sfiga luigi io torno in italia il 5!! non e’ che puoi posticipare???? ;) ;)
ti mando jacopo e francesca intanto.
auguri per "l’evento".

lorenzo


> POEMA DISUMANO DI LUIGI NACCI
2006-05-15 18:46:35|di RASPO

GRAN TITOLO...ED IMMAGINO GRAN PERFORMANCE... PURTROPPO NON RIESCO A ESSERE A ROMA MA IN BOCCA AL LUPO NACCIONE, SILVIO IL DISUMANO TI RINGRAZIA! E SALUTA!


> POEMA DISUMANO DI LUIGI NACCI
2006-05-15 18:11:46|di Luigi

Vi invito a venire e portare gente. Ci sarà vino in quantità, per rimediare alla pochezza dell’arte :-)


> POEMA DISUMANO DI LUIGI NACCI
2006-05-15 14:39:06|di Adriano Padua

Io sto a Roma. Per Nacci non arriverei nemmeno a ostia, ma visto che è a roma ci vengo.....

quasi quasi sfrutto la casa libera di Sinicco e vado a vedermi lo slam a Trieste.
scherzo, invece sono molto curioso, e contento di vedervi qui nella città eterna (e piuttosto disumana).

Adr.


> POEMA DISUMANO DI LUIGI NACCI
2006-05-15 14:08:29|di maria

Che bello, Luigi, auguroni...
ci sei riuscito finalmente!
se posso faccio una scappata e ci si vede là...anche perché questa tua non ce l’ho,son curiosa.
Complimenti ancora.


POEMA DISUMANO DI LUIGI NACCI
2006-05-15 13:55:45|di Christian

Con tutta probabilità, dovrei scendere anch’io, anche se ci sono due eventi a Trieste, il 31 un reading con poeti da tutta europa, dove siamo in collaborazione con un festival sloveno, e l’1 la performance di Michele Alessio, al bar libreria knulp (darò notizia). Più che altro, chi c’è a Roma l’1, chi viene alla presentazione?


Commenti precedenti:
< 1 | 2

Commenta questo articolo


moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Un messaggio, un commento?
  • (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Chi sei? (opzionale)