di Sergio Garau

sergio garau (sardegna, 1982) dal 2001 in collaborazione con il collettivo sparajurij prende parte alla scena poeticoperformativa italiana e internazionale. rappresenta l’italia nel 2007 alla prima coppa del mondo di poetry slam a parigi/bobigny e nel 2008 alla internationale SLAM!revue del literaturfestival di berlino, di cui curerà il programma l’anno successivo. Nel 2009 è invitato alla biennale giovani del mediterraneo a skopje, partecipa alla festa della letteratura e delle arti di asuni in sardegna con una soloperformance di 1ora, che poi rimodellerà per il vivace horinal di barcellona. nel 2010 dopo una residenza artistica a berlino è impegnato in una tournée con il progetto multilingue di spoken word e musica smokenmirrors in 21 città europee, è featuring poet alle slammeisterschaften nella capitale europea della cultura ruhr 2010 e presenta l’operazione collettiva videomusicalpoetica I O all’absolute poetry festival di monfalcone. ha vinto l´anti-slam di berlino 2009, il primo slam a squadre italiano a romapoesia 2003, il poetry slam internazionale di bolzano 2004, il poetry slam della settimana letteraria torinese 2002, il primo concorso di videopoesia doctorclip 2005 et cetera. è pubblicato in perversi modi come libri, cd, radio, santini, tv, siringhe, fascette, dvd, facebook, www.myspace.com/garaus et cetera, cura diversi festival e situazioni, un blog d’autore su absoluteville, collabora alla redazione della rivista atti impuri (off e on-line www.attimpuri.it) e alla collana maledizioni per No Reply

pubblicato lunedì 9 maggio 2011
Cinema Babylon, Rosa-Luxemburg Platz. * L’ultimo decennio ha visto apparire e svilupparsi festival internazionali di videopoesia dalla Russia (...)
pubblicato lunedì 11 ottobre 2010
Pubblico per la poesia. Pubblico pagante 5, 10, 15 euro. Sale concerti, club, teatri di 400, 800, 1600 posti esauriti. Pubblico debordante, (...)
pubblicato domenica 12 settembre 2010
Nel mese di giugno il mensile Poesia pubblica un resoconto di Valerio Cuccaroni sulla poesia italiana in rete, poi ripreso e aggiornato qui su (...)
 

di Stefano La Via

aggiornato giovedì 24 marzo 2011
 

di Massimo Rizzante

aggiornato venerdì 29 luglio 2011
 

di Gabriele Frasca

aggiornato giovedì 5 maggio 2011
 

di Cecilia Bello Minciacchi,
Paolo Giovannetti,
Massimilano Manganelli,
Marianna Marrucci
e Fabio Zinelli

aggiornato domenica 18 marzo 2012
 

di Rosaria Lo Russo

aggiornato sabato 21 maggio 2011
 

par Pierre Le Pillouër

aggiornato giovedì 17 maggio 2012
 

di Luigi Nacci & Lello Voce

aggiornato domenica 13 novembre 2011
 

di Massimo Arcangeli

aggiornato martedì 30 agosto 2011
 

di raphael d’abdon

aggiornato sabato 2 aprile 2011
 

di Claudio Calia

aggiornato venerdì 2 dicembre 2011
 

di Yolanda Castaño

aggiornato martedì 9 novembre 2010
 

di Giacomo Verde

aggiornato sabato 4 giugno 2011
 

di Domenico Ingenito & Fatima Sai

aggiornato mercoledì 10 novembre 2010
 

di Chiara Carminati

aggiornato giovedì 13 gennaio 2011
 

di Gianmaria Nerli

aggiornato giovedì 16 settembre 2010
 

di Maria Teresa Carbone & Franca Rovigatti

aggiornato giovedì 17 marzo 2011
 

a cura di Massimo Rizzante e Lello Voce

aggiornato domenica 27 novembre 2011
 
Home page > I blog d’autore > WIRRWARR murofantasma di Berlino > Sotto la superficie di Sebastian 23

Sotto la superficie di Sebastian 23

spartito in due movimenti con traduzione in italiano e intermezzo audiovisivo in duo con Lars Ruppel dal vivo o meno

Articolo postato lunedì 6 febbraio 2012
da Sergio Garau

il presente è stato eseguito al 17° Festival Internazionale della Poesia di Genova (giugno 2011) ed è qui pubblicato per concessione dell’autore. l’originale fa parte della sua raccolta dal titolo Ein Kopf verpflichtet uns zu nichts (Lektora 2008). la traduzione che segue mi è stata commissionata per l’occasione dal Goethe-Institut Genua, senza il cui supporto non sarebbe stata. tra il primo e il secondo tempo sottotitolati in italiano un audiovisivo restituisce il testo eseguito insieme a Lars Ruppel con occhiali e berretto al contrario del teschio (foto di Cristoph Neumann).

Unter der Oberfläche / Sotto la superficie

1.

Zwischen grauem Asphalt und uralten Backsteinbauten
In den Augen der Großstadttauben
Die nickenden Schrittes zu Boden blicken
und inmitten Müllstücken nach Nahrungsmitteln picken
Sausen tausend vertraute Gesichter im Lichtermeer
Gedankenschwer an mir vorüber oder neben mir her
Nippen mit schmalen Lippen an ihrem Alltags-Alkopop
Shoppen non-stop oder schocken mit pubertärem Piercing-Rock
Zwischen Büro und Disko und zwischen Halbaffe und Halbgott
Quälen sie ihre Seelen in festgefahrenen Kanälen zu Schrott

Aber unter der Oberfläche brodelt es

Dort tanzen Traumtänzer und Schulschwänzer ihrer Freiheit entgegen
Leben jene Verwegenen, die Sachen machen, von denen andere nur reden
In jenen entlegenen Gegenden jenseits von ebenen Ebenen
Wimmelt ein Himmel von Strebenden im Kampf der Kult-Kultur-Überlebenden
Machen Maler mit Farben das Weiße Haus zu Villa Kunterbunt
Sichten Dichter Geschichten und berichten vom Untergrund
Singen Sänger vom Zwang, der den Geist infiltriert
Und sie steh´n unter Druck bis die Welt explodiert

1.

Tra asfalto grigio e decrepite costruzioni di mattoni
Negli occhi dei piccioni metropolitani
Che con andature annuenti guardano per terra
E in mezzo alle immondizie beccano in cerca di alimenti
Mi volano davanti o di fianco nel mare di luci
Migliaia di facce familiari pensierose
Sorbiscono a labbra strette il loro alcopop quotidiano
Fanno shopping non-stop o scioccano con piercing a vita bassa
Tra ufficio e disco e tra mezzascimmia e semidio
Torturano le loro anime per canali arenati in rottami

Ma sotto la superficie ribolle

Là balla chi danza nei sogni e chi marina la scuola verso la sua libertà
Chi vive ogni azzardo, chi fa le cose di cui gli altri parlano soltanto
In ogni eccentrico circondario al di là dei piani piani
Formicola un cielo di ambiziosi nella lotta per la sopravvivenza della cultura cult
Pittori trasformano a pennellate la Casa Bianca in Villa Colorado
Poeti scorgono storie e le riportano dal sottosuolo
Cantanti cantano la costrizione che infiltra lo spirito
E sono sotto pressione fino all’esplosione del mondo

2.

Zwischen grauem Asphalt und uralten Backsteinbauten
In den Augen der Großstadttauben
Die nickenden Schrittes zu Boden blicken
und inmitten Müllstücken nach Nahrungsmitteln picken
Muss ich durch die Weiten der Zeiten arbeiten und mit dem Chef streiten
Und ertrage Schläge von Kollegen, die meine Nerven blank legen
Wegwerfwecker und Kalorien-Kalender führ´n zu erheblichen Schäden
Doch ich halt es aus und halt die Schnauz´ und versuch, trotzdem zu leben

Aber unter der Oberfläche brodelt es

Dort fliegen Hoffnung und Träume mit weißen Wolken um die Wette
Dort entwirft mein stiller Wille Kraft und sprengt jede Kette
Bin ich König und Kaiser, kann mir keiner rein reden
Und ich kenn keine Grenzen, nur befreites Bewegen
Ich spür, wie sich voll Glut und Glanz Gedanken entfalten
Allen Alltag ausschalten, um sich selbst zu erhalten
Und nur meine Fesseln halten mich hier
Doch ich steh unter Druck – bis ich einst explodier

2.

Tra asfalto grigio e decrepite costruzioni di mattoni
Negli occhi dei piccioni metropolitani
Che con andature annuenti guardano per terra
E in mezzo alle immondizie beccano in cerca di alimenti
Devo lavorare continuamente e litigare con il capo
E sopporto colpi dai colleghi che mi scoprono i nervi
Sveglie che si lanciano e calendari calorici comportano danni importanti
Però io resisto e tengo il becco chiuso e provo nonostante questo a vivere

Ma sotto la superficie ribolle

Là speranza e sogni fanno a gara con nuvole bianche a chi vola di più
Là la mia volontà silenziosa schizza forza e rompe ogni catena
Sono re e imperatore, nessuno può parlarmi puramente
E non conosco confini, solo liberi movimenti
Sento i pensieri sbocciare colmi di brace e scintille
Arrestare tutte le routine, per conservare se stessi
E solo le mie catene mi trattengono qui
Ma sono sotto pressione – fino al giorno della mia esplosione

— -

bonus: http://sebastian23.com/ - http://www.youtube.com/user/Pommes23 - http://www.dichter-und-kaempfer.de/ - www.goethe.de/genova - www.festivalpoesia.org/

11 commenti a questo articolo

Sotto la superficie di Sebastian 23
2013-11-27 04:45:33|di Montre

Une chose aujourd’hui pour produire saluer les gens cochent cette montre est vraiment une montre prix demandé. Bien sûr, avec le fait que j’ai fait une copie de la main de replique montre TAG Heuer peut être très coûteux, plus le consentement spécial! Lorsque vous êtes sérieusement impliqué dans les activités de promotion avec Internet Explorer prochaine, je pense que réseau de veille commercial vous aidera à éliminer un nombre important de volume de l’organe, quand un nombre considérable de Internet vendeurs qui vendent des montres Omega tous ces changements dans le général britannique. TAG Heuer achats sur Internet est effectivement reçu votre diminution de paiement donne 20-30% meilleur choix.


Commenti precedenti:
< 1 | 2

Commenta questo articolo


Un messaggio, un commento?
  • (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Chi sei? (opzionale)